Nuovo orientamento della Corte d'Appello di Bari con la recentissima sentenza n. 958 del 28 ottobre 2016, in tema di donazione del genitore debitore per il mancato versamento dell'assegno di mantenimento per la figlia minore al genitore collocatario.

Tale atto di liberalità, avente ad oggetto un box auto, deve essere dichiarato inefficace nei confronti della donna, dovendosi ritenere sussistente il rischio di danno, in quanto genitore collocatario della figlia minore.

Si consideri inoltre la maggiore difficoltà di alienazione di un immobile su cui grava il provvedimento di assegnazione in favore della figlia minore rispetto alla maggiore appetibilità sul mercato di un box. Inoltre trattandosi di atto a titolo gratuito non occorre che il pregiudizio arrecato alle ragioni del creditore sia conosciuto, oltre che dal debitore, anche dal terzo beneficiario.